Progetto “Affido Anziani”

26/02/2018 – 31/03/2019

Luogo: Comuni Partner Operativi di Progetto – Bussolengo,  Lazise, Mozzecane, Valeggio Sul Mincio 

Per la realizzazione della progettualità “affettuosamente” denominata “Affido Anziani”, Spazio Aperto ha individuato come Partner Operativi i Comuni di Bussolengo, Lazise, Mozzecane e Valeggio sul Mincio, territori afferenti al Distretto 4 dell’Azienda ULSS 9 Scaligera: in questi territori è già presente un Servizio di Assistenza Domiciliare in gestione alla Cooperativa Spazio Aperto, quindi la sperimentazione del progetto ha preso avvio in questo contesto di collaborazione già avviata.

L’avvio del progetto ha visto la realizzazione di fasi differenti, dall’identificazione e la selezione degli affidatari, alla definizione dell’obiettivo dell’affido, all’integrazione del modello nella comunità di riferimento, all’erogazione del servizio. Il percorso dell’affido è stato a sua volta co-progettato tra affidato e affidatario, con l’obiettivo di renderli protagonisti della loro relazione (dove incontrarsi, per quanto tempo, cosa fare, di cosa parlare…); il tutto sempre con l’appoggio, il monitoraggio e il coordinamento del gruppo operativo della Cooperativa Spazio Aperto e delle figure di riferimenti dei diversi Comuni.

Sono state individuate tre tipologie di affido: Piccolo Affido, Affido di Supporto e Affido in Convivenza. Tramite il Progetto, è stata possibile la creazione (o il rafforzamento) del legame affettivo e di fiducia tra affidato e affidatario, nell’ottica di favorire il benessere psico-emotivo della persona anziana o adulta autosufficiente, ma in situazioni di particolare disagio sociale – quali isolamento relazionale o difficoltà pratiche.

L’affidatario è una persona che è in grado di capire e riconoscere i bisogni di colui che gli viene affidato, che sa riconoscere e rispettare la sua solitudine e che è in grado di accoglierne la storia senza giudicare o esprimere giudizi di alcun genere; inoltre, si fa punto di riferimento e raccordo per i professionisti e le figure che lavorano in rete quali assistente sociale, medico ecc…

Disagio Sociale e AbitativoPersone AnzianePubblica amministrazione

Professionisti coinvolti

Gruppo operativo Cooperativa Spazio Aperto

Galvani Maddalena – Responsabile di Progetto

Faccioli Silvia – Coordinatore Organizzativo

Pavan Rachele – Tutor di Progetto

Referenti per i Comuni Partner

Valeggio Sul Mincio – Assistente Sociale Alessia Barillà

Lazise – Assistente Sociale Alessia Vedovelli

Bussolengo – Assistenti Sociali Francesca Scudiero e Silvana Monchera

Mozzecane – Assistenti Sociali Silvia Terazzani, Daniela Polato e Francesca Scudiero

Risultati ed impatto sul territorio

“L’impatto sociale di un progetto è il cambiamento sostenibile sul lungo periodo nelle condizioni delle persone o dell’ambiente che l’intervento ha contribuito parzialmente a realizzare, poiché influenzato anche da altre variabili esogene” (Zamagni, Venturi, Rago). In questo progetto si sono tentati di ipotizzare dei primi indicatori per verificare quanto l’ “Affido Anziani” avesse agito nella sua annualità di progetto.  

L’anziano e l’adulto solo in condizione di fragilità passano da una dimensione di solitudine e di “esclusione” all’essere inseriti in una nuova rete di Comunità. Questa rete, costituita sulle relazioni che nel tempo sono riusciti a tessere affidatario ed affidato, rappresenta inoltre la trama di un nuovo welfare capacitante (sia per l’affidatario, che per l’affidato che per la Comunità) e generativo.

Ad oggi, il Progetto ha avuto delle ripercussioni molto positive nei territori in cui è stato sperimentato. Ne sono la prova le volontà dei Comuni di proseguire questo percorso, anche nei mesi successivi alla chiusura del progetto, attivando proprie risorse economiche, oltre alla volontà di inserire questo “dispositivo” all’interno dei prossimi capitolati di gara, in supporto e ad implementazione del servizio di assistenza domiciliare.