Le attività del progetto “angonara” proseguono ed integrano il SAD, sono rivolte agli anziani con l’intento di favorire una vecchiaia non emarginata, inserita nella comunità di appartenenza, e comprendono anche strategie finalizzate ai non anziani, i quali dovrebbero essere “educati” a valutare più realisticamente e meno negativamente la vecchiaia, imparando ad instaurare forme valide di rapporto intergenerazionale.

Si intende valorizzare l’anziano in quanto possessore e trasmettitore di conoscenze e di aspetti culturali tipici del periodo della sua formazione, ora tendenti a sparire o ad essere sottovalutati.

Si cercherà inoltre di stimolare l’anziano a rivolgersi verso impegni di utilità sociale e verso attività occupazionali in grado di valorizzare l’esperienza di vita e professionale precedentemente acquisita. Nello svolgimento delle attività particolare rilievo verrà dato alla sfera emozionale perché l’ascolto dei sentimenti offre a ciascuno la possibilità di vivere una vita adeguatamente buona sia con se stessi che con gli altri.

Un altro aspetto molto rilevante è che gli anziani sono spesso affetti da più patologie, e quindi occuparsi di loro significa valutare con attenzione l’emergere dei nuovi bisogni e dei nuovi limiti (oltre che sofferenze) che la malattia inevitabilmente genera con il suo progredire. In questo modo il progetto “Angonara” diventa osservatorio dei percorsi di vecchiaia dei nostri anziani.

L’attività proposta è offerta agli anziani per dare loro l’opportunità di vivere momenti di relazione e svago alternativi alle attività quotidiane.

Tali proposte debbono rispondere alle reali esigenze degli anziani e quindi sono organizzate con la loro “collaborazione”.

Tutte le attività è coinvolto personale qualificato OSS che garantisce l’accompagnamento e l’accudimento della persona.

È per questo che il progetto si chiama “angonara” infatti l’angonara (in italiano è la gugliata di filo per cucire o lavorare a maglia) può essere lunga o corta, di filo grosso o sottile, di diversi colori a seconda del lavoro da svolgere.

Obiettivi

L’insieme delle attività sono proposte al fine di:

  • valorizzare le competenze e le capacità individuali;
  • stimolare l’autonomia fisica e psicologica;
  • valorizzare l’esperienza individuale e del passato;
  • stimolare l’espressività;
  • stimolare l’integrazione e le relazioni interpersonali.

Attività proposte

  1. attività espressivo relazionali
  2. attività manuali
  3. attività ludiche
  4. attività informative – culturali
  5. attività di relazione con il territorio
  6. ginnastica posturale

Luogo di svolgimento

Le attività verranno svolte in spazi individuati in collaborazione con l’assistente sociale.

Personale coinvolto

Operatori socio sanitario e/o educatori già inserito nell’organico del SAD della nostra cooperativa, in possesso dell’esperienza e della passione per svolgere questo tipo di progetto.

Ti potrebbero interessare anche

Il servizio prende idea dalla rilevazione di bisogni cosiddetti “leggeri”, ovvero che non debbano necessariamente venire soddisfatti da professionalità specifiche, ma che contribuiscono se ignorati ad aumentare il disagio di alcuni anziani che vedono così
L’avvio del progetto ha visto la realizzazione di fasi differenti, dall’identificazione e la selezione degli affidatari, alla definizione dell’obiettivo dell’affido, all’integrazione del modello nella comunità di riferimento, all’erogazione del servizio. Il percorso dell’affido è stato a sua volta co-progettato tra affidato e affidatario, con l’obiettivo di renderli protagonisti della loro relazione (dove incontrarsi, per quanto tempo, cosa fare, di cosa parlare…); il tutto sempre con l’appoggio, il monitoraggio e il coordinamento del gruppo operativo della Cooperativa Spazio Aperto e delle figure di riferimenti dei diversi Comuni.